Servizi

Catalogo in linea, segnala tutte le pubblicazioni acquisite dalla Biblioteca (per acquisto o per dono). Sono reperibili sul catalogo online http://unito-opac.cineca.it/SebinaOpac/Opac (nome biblioteca Seminario Arcivescovile di Torino) o sul catalogo dell’Opac nazionale, http://www.sbn.it/opacsbn/opac/iccu/free.jsp (codice biblioteca to0326), consultabili attraverso i personal computer messi a disposizione degli utenti nella sala di consultazione oppure via internet da postazioni esterne.

Approfondimenti nella pagina CATALOGO ON-LINE.

Sono disponibili anche alcune risorse digitali di carattere teologico e religioso, per maggiori informazioni accedere alla pagina relativa.

Consultazione dei libri:
a) i libri il cui codice di collocazione inizia con la sigla SL (sala lettura), disponibili nella sala di consultazione dove sono ubicati, possono essere prelevati direttamente dagli scaffali e lasciati sui tavoli al termine del loro uso;
b) tutti gli altri libri e le riviste debbono essere richiesti in consultazione compilando un apposito modulo. Tali richieste vanno consegnate ai bibliotecari; la richiesta è limitata a 4 volumi per volta. I volumi richiesti in consultazione vanno riconsegnati ai bibliotecari;

c) i libri antichi, fino al 1830 compreso, ed i libri rari e preziosi di qualsiasi periodo sono consultabili solo previa consegna di un documento di identità e l’uso dei guanti forniti dai bibliotecari; è preferibile comunicare con qualche giorno di anticipo le richieste, in quanto non sono sempre di immediata reperibilità; gli inventari L e C sono consultabili previa prenotazione di persona, telefonica o via e-mail

Consultazione delle riviste:
nella sala lettura sono esposti gli ultimi numeri di tutte le riviste in abbonamento. La disposizione è in ordine alfabetico: accanto a ciascun fascicolo è indicata la propria collocazione a magazzino. Le annate precedenti di queste riviste e le altre riviste possedute dalla Biblioteca vanno richieste consultando il catalogo in linea e compilando l’apposito modulo per la richiesta in consultazione (è sufficiente segnalare il titolo del periodico e l’annata richiesta).

In visione: se si desidera continuare, nei giorni immediatamente successivi a quello della richiesta, la consultazione di alcuni volumi, è possibile richiederne ai Bibliotecari la conservazione, con l’applicazione del cartellino “In visione”. Nei giorni successivi basterà farne richiesta ai bibliotecari stessi. I libri verranno tenuti “In visione” per due settimane consecutive, allo scadere delle quali vengono ricollocati in magazzino.

 

Prenotazione dei volumi: se il testo richiesto fosse in prestito, il lettore potrà richiedere la sua prenotazione. Al rientro, il testo sarà tenuto da parte per 3 giorni, periodo in cui il lettore potrà ritirarlo. Al rientro del volume il lettore che ha lasciato i suoi contatti, viene avvisato automaticamente con un SMS e/o un’email della disponibilità del volume.

Servizio di riproduzione: attraverso l’utilizzo di una tessera magnetica, disponibile presso il distributore automatico presente nel locale fotocopie, è consentito effettuare riproduzioni con modalità self-service. I lettori possono fotocopiare qualunque documento, per motivi di studio, ad esclusione dei libri antichi, dei rari, delle tesi di laurea e di ciò le cui condizioni sconsiglino la riproduzione. Ricordiamo che l’utente è tenuto al rispetto della vigente legge sul diritto d’autore, legge 18 agosto 2000, n. 248, nel numero massimo di pagine da ri-produrre (non più del 15%).
La riproduzione deve essere eseguita avendo cura di non danneggiare o alterare in alcun modo lo stato di conservazione del materiale.

Orientamenti e informazioni: presso i bibliotecari.
Gli utenti possono usufruire di tale servizio per avere informazioni di carattere generale
e sull’utilizzo dei cataloghi.